Parco-Piscina_-_9.jpg

Vacanza Studio

Condotto da Mariagiovanna Rosati Hansen e Nicoletta Vicentini (Attrici, registe, Art Theatre Counselors)

Dal 25 al 31 Agosto 2019

Vacanza studio stanziale nello splendido agriturismo "VALLE DEI CALANCHI" a Sermugnano (VT)
20 posti letto complessivi in camere matrimoniali con bagni annessi, pranzi e cene conviviali.

Il Seminario comprende:
- Laboratorio sulla Commedia dell'Arte
- Laboratorio "Costruzione della maschera"
- Gruppo di counseling
- Vitto e alloggio (escluso viaggio e bevande)

BROCHURE COMPLETA

Camera_-_24.jpg

Il per-corso seminariale si svolge durante l'arco di tutta la giornata, anche, e forse soprattutto ...durante le ore libere, quando ci si concede un tempo di metabolizzazione ed elaborazione sul lavoro svolto durante i laboratori. Due volte la sera si svolgerà il "gruppo di counseling" con la Maestra Hansen che è a disposizione ad ascoltare gli allievi e a guidarli lungo il percorso di gruppo ed individuale.

Contributo associativo per la partecipazione tutto compreso (escluso viaggio e bevande) €. 720,00

Il seminario è valevole come corso di aggiornamento e formazione per docenti di ogni ordine e grado - Lg 107/2015 - ai sensi della direttiva ministeriale 170/2016 (già D.M.90 1/12/2003) 

Per info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 0644340560 - 3485483107

dallestorieallascena

16, 17 novembre 2019 - Sede di Roma

Condotto da Annamaria Guzzio 

Il corso seminariale è valido come corso di aggiornamento e formazione per docenti di ogni ordine e grado (Lg 107/2015) ai sensi della direttiva ministeriale 170/2016

Il Teatro è la Parola che si eleva dal libro e si fa umana e al farsi piange e ride…” parafrasi da Federico Garcia Lorca
Tra i molti elementi comuni tra la Letteratura e il Teatro la Parola è la protagonista assoluta di questo piccolo percorso seminariale. La Parola come Parabolé è elemento basilare della comunicazione tra esseri umani che trasmette concetti o idee quando è scritta ma appena si eleva dal libro e si fa umana si carica di aspetti emozionali e quindi relazionali e affettivi. Così la Parola agita teatralmente, vissuta sulla scena, diventa comunicazione più incisiva e completa. Partendo da stralci di testi letterari d’autore scelti liberamente dai partecipanti si arriverà alla creazione di personaggi che abbiano la tridimensionalità propria del Teatro e che saranno capaci di vivere autonomamente sulla scena, intraprendere relazioni da cui nasceranno nuove storie, ricercare equilibri e integrazioni, in un gioco espressivo che è insieme crescita e benessere.
Per informazioni e iscrizioni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 0644340560 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dal Teatro dell'Oppresso al Teatro del Benessere

Condotto da Preziosa Salatino dal Teatro Atlante di Palermoteatro sociale

7, 8, 9 febbraio 2020 - sede di Roma (venerdì 16,00 - 18,00, sabato e domenica 9,30-18,30)

Un seminario rivolto a quanti intendono acquisire nuovi strumenti teorici e pratici per applicare le tecniche teatrali in ambito sociale ed educativo.

La funzione sociale del teatro è insita nella sua natura, come quella terapeutica e politica. La definizione “teatro sociale” delimita un ambito in cui non è necessario il raggiungimento di un professionismo artistico in senso stresso, poiché lo strumento teatrale è messo al servizio di altre professionalità: educatori, insegnanti, councelors, assistenti sociali. Non si lavora per il conseguimento di un prodotto artistico esteticamente perfetto: il focus è posto piuttosto sul percorso e sul metodo di lavoro. Si lavorerà principalmente sul tema del conflitto (individuale e sociale) prendendo spunto da storie ed esperienze reali messe in campo dai partecipanti stessi. Le tecniche utilizzate prendono spunto dal Teatro dell'Oppresso, una metodologia di teatro sociale ideata dal regista Augusto Boal negli anni '60 in Brasile.

ATTESTATO RICONOSCIUTO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE (D.M. 170/2016 già D.M. 90 del 1/12/2003)

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 06-44340560 –3485483107

impossibleCome raggiungere l'obiettivo: percorso e strategia

Seminario sulla comunicazione efficace - PNL

 
21, 22 settembre 2019 - Sede di Forlì
5, 6 ottobre 2019 - Sede di Roma
Il seminario è valevole come corso di aggiornamento e formazione per docenti di ogni ordine e grado - Lg 107/2015 - ai sensi della direttiva ministeriale 170/2016 (già D.M.90 1/12/2003)
Dedicato a chi vuole raggiungere l’obiettivo... ai curiosi, a chi vive la vita come una sfida, a chi ancora sa sognare…
 Il miglior modo per realizzare i propri sogni è… svegliarsi e agire 

Il seminario è anche propedeutico ai corsi di Alta Formazione O.S.A.T.E. e REGIA

Questo corso è aperto a tutti coloro che desiderino imparare a comunicare in maniera efficace con gli altri e con stessi.
Il seminario si sviluppa su due argomenti fondamentali nel Metodo Hansen®*:

Sabato: la Comunicazione efficace e l’ascolto inter-attivo (Programmazione Neuro Linguistica)
Domenica: percorso personale creativo verso l’obiettivo

Il seminario illustra le diverse valenze della comunicazione funzionale in una visione unitaria ed armonica. Vengono proposti con modalità esperienziale, tipica del Metodo Hansen®, i fondamenti della comunicazione con particolare attenzione ai temi del contatto, dell’ascolto e del dialogo. Il percorso accompagna alla comprensione dei diversi strumenti e modi della comunicazione: la voce, il gesto, la parola, lo sguardo. Ma anche il valore della percezione istintiva e dei canali preferenziali. 

HANSEN

PER ATTORI E REGISTI

Condotto da Mariagiovanna Rosati Hansen

7, 8 dicembre 2019 - sede di Roma

L’INTONAZIONE FUNZIONALE ALLA BATTUTA - Il pensiero visualizzato e l’azione non verbale

Le vere difficoltà per un attore sono quelle di dover trovare ogni volta l’intonazione funzionale alla battuta nonché lavorare ai differenti caratteri-personaggi, spettacolo dopo spettacolo.

Il Metodo Hansen®, conosciuto ormai in tutto il mondo occidentale diventa a questo punto un aiuto indispensabile.

La M.a Hansen ha sviluppato questo metodo al fine di trovare il proprio personale stile d’attore adattandolo ai diversi personaggi rispetto al testo ed alla relazione tra i ruoli e partners.

L’attore che segue questo Metodo arricchirà la sua interpretazione di mille “colori” che resterebbero altrimenti senza espressione.

Questo seminario è indicato per i Registi teatrali ed insegnanti che desiderino condurre meglio la loro compagnia fino al traguardo della messa in scena.

tdo

Arcobaleno del Desiderio

Condotto da Jordi Forcadas (Dalla scuola di teatro Pa-tothom - Barcelona)

28, 29 febbraio, 1 marzo 2020

(venerdì 14,30 - 18,30, sabato e domenica 9,30-18,30)

Dalla rappresentazione di situazioni oppressive riconoscibili dal pubblico alla trasformazione dello stesso in attore-protagonista; dall'idea alla lotta sul palcoscenico con gli attori-antagonisti; dall'azione individuale al dibattito.

ARCOIRIS DEL DESEO

L'Arcobaleno dei Desiderio è una tecnica che lavora sui problemi individuali, sulle battaglie o gli accordi di cooperazione fra la mente e il cuore. Si chiama così perché noi abbiamo tanti desideri quanti sono i colori dell'arcobaleno. La tecnica ci può aiutare a differenziare i desideri dai sentimenti e metterli in una luce più chiara. Durante il processo, le passioni e i desideri sono rappresentati in tutti i loro "colori", che a volte non sono visibili solo agli occhi. Si trasforma il disagio senza nome in un "desiderio" di liberazione, che i partecipanti stessi organizzano sulla scena.

bosco.eldi.it

condotto da Nicoletta Vicentini (Teatro Terapeuta, Regista, Autrice e docente di TeatroRagazzi)

19, 20 ottobre 2019 - sede di Forlì

Il seminario è particolarmente consigliato ad insegnanti di ogni ordine e grado, Arte terapisti, educatori, animatori

Il corso si propone di fornire gli strumenti necessari per utilizzare il teatro non solo come forma ricreativa, ma come utile mezzo di socializzazione, benessere e affermazione del sé. 
Attraverso l’apprendimento di tecniche non invasive verrà costruito un percorso comune, dove l’accento è posto sulle risorse insite in ognuno di noi. Il teatro, infatti, è l’emozione di viaggiare tra la gente, nel tempo e nello spazio, vestendone di volta in volta i panni più disparati; è il piacere di unire le proprie forze a quelle dei compagni per costruire una favola, una commedia, una storia. Recitare è la possibilità di lasciarsi andare, di riflettere, ridere e giocare con noi stessi e con le scene che ci propone la vita. Questo gioco contatta la nostra parte più profonda e creativa, rafforzandoci e creando nuova energia. 

Comunicazione visiva attraverso la fotografiaFototerapia4

Condotto da Saida Volpe (Arte Teatro Terapista, Pedagogista, Fotografa)

17, 18, 19 gennaio 2020 - sede di Roma (venerdì dalle 14,30 alle 18,30 - sabato e domenica dalle 9,30 alle 18,30)

ATTESTATO RICONOSCIUTO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE (D.M. 170/2016)

Sempre di più il nostro modo di comunicare è legato alle immagini, lo dimostra anche il grande successo di massa di social network come Facebook, Instagram, Whatsapp … che utilizzano le fotografie come mezzo di comunicazione e di interazione tra le persone.
I ragazzi in particolare, ma non solo loro, vivono fotografando; la realtà si vive fotografandola e fotografandosi, ed essa esiste solo attraverso gli scatti e la condivisione di questi, altrimenti non è nulla.
Dietro ogni scatto, al di là del paesaggio o del momento catturato ci sono una serie di emozioni che vanno oltre il semplice aspetto visivo.
La fotografia come mediatore artistico nelle arti terapie espressive utilizza la metodologia della proiezione visiva. Il significato di una foto, di una immagine, è legato al punto di vista di chi osserva. Nel momento in cui una persona osserva un’immagine crea spontaneamente un significato che ritiene provenire dalla foto stessa, e questo significato può essere diverso da quello che il fotografo o l’autore intendeva trasmettere. Il significato, soprattutto quello emotivo, dipende dalla percezione individuale e dall’esperienza di vita dell’osservatore.

 MG 7094 filtered

Condotto da Nicoletta Vicentini 

fine settimana intensivi sabato e domenica dalle 9,30 alle 18,30 - sede di Roma

27, 28 ottobre 2018 

10, 11 novembre 2018

 8, 9 dicembre 2018

Dal secondo incontro l’insegnante Nicoletta Vicentini sceglierà il cast per montare uno spettacolo che andrà in scena il 17 Gennaio 2019 e sarà replicato il 24 febbraio 2019 durante il Festival Teatrale Europeo - XActor alla XIV edizione e al Festival di Frankfurt Oder (Germania)

Possiamo individuare nella Commedia dell'Arte le radici del nostro teatro contemporaneo. Duttile, divertente, basata essenzialmente sull'improvvisazione, diventa uno strumento ideale per trasmettere tecniche teatrali e confidenza con il palcoscenico e con noi stessi.

Le maschere offrono un "riparo" per affrontare il palcoscenico o, per chi già conoscere le tecniche d'attore, per sviluppare e perfezionare capacità di presenza scenica e comunicazione verbale e gestuale. Gli stereotipi tipici della Commedia dell'Arte ben si prestano ad incanalare e sviluppare i lati della personalità.
Il lavoro sul canovaccio teatrale è un percorso da equilibrista tra immaginazione, invenzione scenica e vincoli dettati dalle tecniche teatrali, regole legate all'uso dello spazio scenico, alla comunicazione diretta con il pubblico e con gli altri attori, ad un'espressività significativa ed efficace del gesto, del corpo e della voce.

9, 10 novembre 2019 - sede di Forlì

4, 5 aprile 2020 - sede di Romateatro bimbi2

Condotto da Umberto Bianchi (Attore, Regista, mimo, insegnante di Teatro e Body Acting, conduttore di laboratori teatrali nelle scuole)


Per-corso espressamente pensato per gli insegnanti, tramite lavoro collettivo e individuale, che permette di andare in profondità rispetto ai parametri della costruzione del movimento corporeo, attraverso una pedagogia che rispetta la parte più sensibile del nostro "essere" nella sua globalità del suo rapporto con il corpo ed il movimento nel contesto della performance Inoltre, il carattere energetico e "rigorosamente giocoso" dell'approccio ha promosso in loro nuovi stimoli creativi che è possibile utilizzare in classe con i bambini.

Valevole come corso di aggiornamento e formazione per docenti di ogni ordine e grado - Lg 107/2015 - ai sensi della direttiva ministeriale 170/2016 (già D.M.90 1/12/2003)

Per info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  - 3485483107 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

inconscioTra Sogno e Poesia

Condotto da Mariagiovanna Rosati Hansen

25, 26 gennaio 2020 - sede di Roma

L'inconscio governa e guida la maggior parte delle nostre scelte. Imparare a conoscerlo per sfruttare le sue immense potenzialità può essere decisivo per un cambiamento di vita in positivo. Il seminario sarà dedicato allo studio delle dinamiche dell'inconscio e dell'utilizzo della drammatizzazione del sogno e della Poesia come veicolo di lettura.

ATTESTATO RICONOSCIUTO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE (D.M. 170/2016)

cosmogonie

Percorso di teatro didattico attraverso le storie mitologiche

Condotto da Annamaria Guzzio

(teatroterapista e insegnante di teatro creativo)

Data e sede da definire

ATTESTATO RICONOSCIUTO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE (D.M. 170/2016)

Il seminario è particolarmente consigliato ad insegnanti, Arte terapisti, educatori, animatori.

È da tempo provata l'efficacia dei laboratori di Teatro come forma educativa, di prevenzione e di cura delle disfunzionalità che si verificano con grande frequenza durante gli anni della formazione scolastica.
Affrontare la conoscenza delle principali storie mitologiche, improvvisare prima e poi trasformare, tutto il materiale emerso in una performance teatrale è il compito che si prefigge questo laboratorio didattico teatrale.
Far sì che le storie apprese dalla Letteratura mitologica servano per rispecchiarsi in esse, comprendere l'universo complesso che l'autore vi mette dentro per risuonarvi con la propria esperienza personale è il compito più arduo che il conduttore di laboratori di Teatro a scuola possa avere e richiede l'acquisizione di qualche strumento di Teatroterapia. Il ruolo dell'insegnante in questi casi, infatti, si divide tra l'attività di educatore e quella di mediatore espressivo.

Pagina 1 di 2

Roma

Via dei Sabelli,116 00185
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
0644340560
© Istituto Teatrale Europeo. Tutti i diritti riservati

Free Joomla templates by L.THEME